Giochi: Aiart, fermare urgentemente spot

(ASCA) – Roma, 20 mar – ”Ci fa piacere che il mondo della politica intervenga sulla ludopatia. Non e’ mai troppo tardi. Fondamentale e’ fermare la pubblicita’ in tv, ipocrita, ancor di piu’ se fatta dal servizio pubblico. Tutto cio’ rischia di mandare in rovina migliaia di famiglie”. Lo afferma Luca Borgomeo, presidente dell’ associazione di telespettatori cattolici Aiart. ”La pubblicita’ dei giochi d’ azzardo e’ una vera emergenza sociale con danni evidentissimi, e non solo economici, per i cittadini. Almeno i minori siano salvaguardati – conclude Borgomeo – Lo Stato non contribuisca a mettere sul lastrico una parte della societa”’.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Scende il valore del sistema media rispetto al 2013. Big lontani dal limite

Cairo Communication: nei nove mesi ricavi in calo a 185,7 milioni di euro. Previsto Mol in sostanziale pareggio per La7 a fine anno

Banzai: nei 9 mesi del 2015 i ricavi salgano a 152 milioni; la perdita cresce a 6,5 milioni di euro