FIERA RAGAZZI: ARRIVA CARICA DEI NUOVI AUTORI 30/40ENNI

IL PROGETTO TYPOS E LA SERIE MILLY MERLETTI,SCAMBIO IDEE SUL WEB

(dell’inviata Mauretta Capuano). (ANSA) – BOLOGNA, 20 MAR – Non hanno un editore di riferimento, pubblicano con buona parte delle case editrici italiane, vivono in città  diverse ma si scambiano continuamente idee sul web. Insomma, sono un laboratorio creativo ma non competitivo. Ecco ‘Gli Immergenti’ che sanno “essere realistici” ma hanno “il coraggio di essere fantastici” come dice lo slogan del gruppo formato da scrittori per ragazzi, fra i 30 e i 40 anni, fra cui Pierdomenico Baccalario, Elena Peduzzi (più conosciuta come Elena P. Melodia per la saga My Land pubblicata con Fazi), Alessandro Gatti e Annamaria Piccione, che stanno cambiando il modo di vivere la letteratura per ragazzi e non solo. Loro il progetto ‘Typos’, proposto a Fanucci che lo annuncia in anteprima alla Fiera del Libro per Ragazzi di Bologna, e lo presenterà  in maggio al Salone del Libro di Torino, e la serie sulla moda ‘Milly Merletti’ che uscirà  in estate per De Agostini. “Siamo cacciatori di storie. Discutiamo fra noi, ci diamo consigli e proponiamo idee. Ogni autore si muove in modo autonomo ma scriviamo anche a quattro mani ed è come se mettessimo tutto quello che sappiamo in comune. Pubblichiamo con editori diversi perché ognuno ha un catalogo differente”, dice all’ANSA Baccalario, 37 anni, vincitore nel 1998 del premio ‘Il Battello a Vapore’. Così ‘Typos’ “non poteva che essere fatto con Fanucci perché è fantascienza. Una serie di 12 libri con reporter d’assalto che smontano le mistificazioni di un’organizzazione, Keylab, che mistifica la realtà . Typos vuol dire errore tipografico. L’ambientazione è a Maximum City, che in realtà  è Bombay. Tra poco verrà  messa on line la linea del progetto con personaggi e ambientazione definita e chi vuole può collaborare. Sono libri d’azione”, racconta Baccalario che firma il primo titolo ‘Verita”, storia di un dittatore africano che una rockstar cerca di aiutare a risollevare il suo paese con un concerto di beneficenza, ma con quei soldi in realtà  saranno comprate delle armi. “E’ la storia di Bob Geldof che raccolse questi soldi per l’Etiopia di Mugabe” dice lo scrittore. Il secondo titolo è ‘Il mistero di Geremia Smith’ di Guido Sgardoli. “Quando hai un’idea devi realizzarla velocemente in un mondo editoriale abbastanza lento”, spiega Elena Peduzzi che firma una serie di storie sulla Ginnastica ritmica con protagoniste cinque ragazze, le Libellule, per Tea (Gruppo Gems) che quest’estate si lancia nell’editoria per ragazzi, mentre Mark Menozzi, autore fantasy che ha pubblicato con Fazi, si occuperà  per la stessa serie del basket di strada. “Non abbiamo uno stile. Abbiamo quella fiducia che oggi è merce rara. Oggi non ci sono mode. C’é bisogno di attualità . Il fantasy c’é ma è per appassionati” dice la Peduzzi autrice per De Agostini della serie sulla moda creativa con un elemento fantasy ‘Milly Merletti’ che “non ha nulla a che fare – spiega – con le griffe”. “Togliamo le indicazioni d’età . Bisogna aver rispetto dei libri per ragazzi come genere letterario. Ci sono tante serie nuove e tante ragazze che scrivono come Barbara Baraldi, Elisa Puricelli Guerra o Miriam Dubini e la sua Leila Blue di Mondadori. Si sta formando una generazione di trenta-quarantenni che sono scrittori per ragazzi e basta non bibliotecari o maestri che scrivono per i più giovani”, dice Baccalario che firma con Alessandro Gatti anche ‘Ciccio Frittata’ per la nuova collana umoristica Crepapelle di Edizioni El. Fra le promesse della narrativa per ragazzi anche Teo Benedetti, l’autore di ‘Tomatito’ (Fanucci), 30 anni di Lucca, che ha in cantiere la storia di un giovane indiano che vuole diventare cow boy. (ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari