AGCOM: CALABRO’, ATTENDIAMO NORMA GOVERNO SU POTERI AUTORITA’

(AGI) – Roma, 21 mar. – L’Agcom attende la norma predisposta dalla presidenza del Consiglio che definisce meglio i poteri dell’autorita’. Lo ha annunciato il presidente dell’Autorita’ per le Garanzie nelle Comunicazioni, Corrado Calabro’, nel corso di un’audizione di fronte alle commissioni VII e VIII del Senato.
“Il nostro compito – ha spiegato Calabro’ – e’ quello di applicare le leggi vigenti. Ci rafforza in tale convincimento la norma di legge predisposta dalla presidenza del Consiglio che ribadisce la legittimazione dell’Agcom e ne definisce meglio la competenza e i poteri nella materia del diritto d’autore. Attenderemo che tale norma veda la luce prima di adottare il regolamento predisposto. Nel segno della legge e con una sensibile e non banale apertura mentale, come sempre”. “L’occasione offerta oggi – ha spiegato Calabro’ – e’ dunque quella di un ulteriore meditato confronto con l’Istituzione parlamentare che ha competenza legislativa in materia, per condividere un altro tratto del processo di adeguamento della disciplina del diritto d’autore alle nuove tecnologie dell’informazione e della comunicazione. Un processo in divenire, difficile, sfaccettato, ma necessario; che va affrontato, e non solo teorizzato, nei limiti delle prerogative di ciascuna Istituzione, ma anche in osservanza dei compiti assegnati dalla legge”. Il fenomeno della pirateria, ha proseguito il presidente dell’Agcom, “rischia di danneggiare gravemente il settore delle attivita’ creative e quello delle tecnologie della comunicazione proprio nel momento in cui il digitale offre nuove potenzialita’”. “Gli orientamenti dell’Europa, e la proposta in elaborazione presso l’Agcom – ha osservato infine Calabro’ – possono rappresentare a tal riguardo un fertile laboratorio d’incubazione di prassi regolamentari che, correggendo il tiro, ad esempio, rispetto alle invasive iniziative di alcuni Stati, affrontino il problema di interrompere le attivita’ illegittime online senza adottare pero’ misure sproporzionate e intrusive”. (AGI)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Il presidente iraniano Rohani: statue coperte? E’ solo un caso giornalistico

Padre Ciro Benedettini lascia la vicedirezione della sala stampa vaticana dopo 22 anni di servizio

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi