RAI: DG LEI, “ISTITUZIONI” CONFERMA CENTRALITA’ SERVIZIO PUBBLICO

(AGI) – Roma, 22 mar. – La serie “Istituzioni” rappresenta “l’ennesima conferma della centralita’ del servizio pubblico, della Rai, anche come ambito in cui condividere idee”. Lo ha detto il direttore generale Lorenza Lei nell’intervento alla tavola rotonda per illustrare l’iniziativa con cui verranno raccontati i luoghi simbolo della democrazia italiana: Quirinale, Senato, Camera, Corte Costituzionale, Palazzo Chigi. Alla tavola rotonda hanno preso parte anche i presidenti Schifani, Fini, Quaranta, oltre al presidente della Rai Garimberti, ai vice presidenti Comanducci e Marano, a componenti del Cda di viale Mazzini (De Laurentiis, Verro, Van Straten, Rositani), i vice presidenti della commissione di Vigilanza, Merlo e Lainati. “Cultura e riflessioni di tipo antropologico devono essere al centro del piano editoriale e industriale della Rai”, ha aggiunto il direttore generale. Sottolineando che una iniziativa come questa sta a significare anche che “le porte delle istituzioni, le porte dello Stato, si sono aperte ai cittadini, grazie all’apporto della Rai”. Quella proposta e’ una serie di documenti “per i giovani, con i giovani” e punta anche a ridare stimolo “all’educazione civica e civile, che dev’essere sempre uno degli aspetti importanti di cui una societa’ non puo’ privarsi”. Lorenza Lei ha preso in prestito il motto della Bbc, ovvero una nazione che parla alla nazione, per sottolineare ancora una volta “la centralita’ del servizio pubblico, rappresnetare come la Rai accompagna la storia del Paese”. Infine ha espresso il proprio ringraziamento all’intera azienda, agli oltre 11mila dipendenti “che operano con passione e rappresentano davvero una bella squadra”. (AGI)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi