Editoria

22 marzo 2012 | 16:13

Editoria/ Fnsi e Alg: Hearst non rinunci a testate storiche

“Hanno sempre assicurato prestigio editoriale, ritorni economici”
Roma, 22 mar. (TMNews) – “La Federazione nazionale della stampa e l’Associazione lombarda dei giornalisti sono al fianco dei colleghi di Hearst Lifestyle Media e condividono le loro preoccupazioni per l’ipotizzata cessione della società  da parte della capogruppo Herst Magazines Italia”.
“Desta sicuramente forte stupore – si legge nella nota congiunta del sindacato lombardo e di quello nazionale dei giornalisti – che un grande gruppo internazionale come Hearst decida di rinunciare, a nemmeno 10 mesi dal suo arrivo in Italia attraverso l’acquisizione di Hachette Rusconi, di una parte importante del proprio portafoglio, con testate storiche come – tra le altre – Gente Motori e Yacht Capital, che negli anni hanno sempre assicurato prestigio editoriale e ritorni economici, grazie all’impegno e alla professionalità  dei giornalisti e dei lavoratori tutti”. “La crisi economica, che sta colpendo anche il mondo dell’informazione, non può in ogni caso – sostengono Fnsi e Alg – esimere gli editori seri dalle proprie responsabilità  nei confronti dei dipendenti e del loro futuro lavorativo. E non può esentarli da un confronto leale e trasparente con il sindacato”.
“Fnsi e Alg chiedono quindi – si legge ancora nella nota – a Hearst Magazines Italia di riflettere ancora sulla decisione di disfarsi della sua controllata e di fare a meno dei giornalisti in essa impiegati. E, se dovesse purtroppo confermare la strada intrapresa, la invitano a valutare con grande attenzione la scelta del nuovo editore a cui affidare le sue riviste e i suoi lavoratori, considerando prima di tutto l’affidabilità , le capacità  imprenditoriali e la solidità  economica dell’acquirente.
Il sindacato tutto reagirà  con ogni mezzo – conclude la nota – a operazioni che possano nascondere pericoli per la continuità  delle attività  editoriali e per la stabilità  dell’occupazione di ognuno dei giornalisti coinvolti”.