da collaboratore a vice direttore di ‘Europa’

La classe di fragole e sangue è quella del ’68. Nell’anno fatidico Filippo Sensi nasce a Roma il 4 di marzo e nella capitale cresce completando gli studi di filosofia all’università  La Sapienza, ottenendo anche un dottorato (roba seria: fenomenologia tedesca) e – parallelamente – iniziando il cursus tipico di chi tenta di superare la cortina di ferro del mondo giornalistico. Negli anni Novanta, Sensi comincia così a collaborare con un’agenzia-service che fornisce un network di emittenti televisive locali, occupandosi subito di politica e seguendo il governo Ciampi e il primo Berlusconi. Parallelamente offre i suoi pezzi anche all’Adista, l’agenzia stampa cattolica che spesso e volentieri fa saltare i nervi al Vaticano, costruendosi una competenza sulla politica internazionale.

L’articolo integrale è sul mensile ‘Prima Comunicazione’ n. 426 – marzo 2012

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

È di nuovo Riccanza, “cult show” di Mtv sulla vita dei giovani ricchi italiani

Milano Music Week ed experience economy: nuovi valori e target a confronto

Nuovi linguaggi e impegno sociale: arriva Involontario, la prima serie girata all’Istituto dei tumori