da direttore di Ecoradio a direttore di ‘Terra’

Milanese, classe 1953, appassionato di esteri, Afghanistan e ambiente. Di lui ci siamo già  occupati, più o meno un anno fa, quando accettò la direzione di Ecoradio (esperienza che si è esaurita in cinque mesi per contrasti con l’editore). Ora Emanuele Giordana ci riprova con la direzione di Terra, da poco tornato in edicola sotto forma di mensile. Prenderà  il testimone a partire da aprile – dopo il primo numero firmato da Luca Bonaccorsi – e sul ‘prodotto’ da proporre ha le idee chiare: “Punteremo sull’approfondimento di taglio ambientalista perché è quello che ancora manca. Parleremo di No Tav per raccontare cosa rappresenti ormai nell’immaginario collettivo e come questa lotta vada oltre l’alta velocità . Proporremo inchieste che diventino viaggi nella natura e insieme nell’attualità . Cercheremo di colmare un vuoto e speriamo bene”.

L’articolo integrale è sul mensile ‘Prima Comunicazione’ n. 426 – marzo 2012

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Il dl dignità diventa legge. Via libera dal Senato con 155 sì

Bonisoli: Cinecittà e Rai collaborino di più. Calo di spettatori nelle sale? Serve soluzione italiana

Cda Rai, Rousseau sceglie Coletti e Cellini come candidati M5S – CHI SONO