Cresce l’utilizzo dei social media da parte delle aziende italiane

Marzo 2012 – La percentuale delle aziende italiane che utilizza almeno un social media per attività  di comunicazione e marketing passa dal 32,5% del 2010 al 49,9% del 2011. Tale incremento è soprattutto il risultato del notevole aumento di penetrazione di tali canali nelle piccole aziende: mentre nella precedente rilevazione solo il 9,8% delle stesse gestiva almeno un social media, nel 2011 tale percentuale è salita al 43%. Sono i risultati emersi dalla ricerca ‘Il SocialMediAbility delle Aziende Italiane: un anno dopo’, condotta dall’Osservatorio Iulm e promossa dall’Executive Master in Social Media Marketing & Web Communication.
Facebook si conferma il canale più popolare, scelto dal 71,1% delle aziende che hanno attivato almeno un social media (rispetto al 35,2% del 2010), ma in grande crescita risultano anche l’uso di Twitter, Linkedin e YouTube, utilizzati rispettivamente dal 39,8%, dal 35,7% e dal 32,0% delle aziende presenti sui social media (rispetto al 14,1%, al 15,5% e al 8,8% del 2010). La maggiore diffusione di tali canali a livello aziendale non è stata tuttavia accompagnata da un altrettanto significativo aumento dell’indice medio di ‘SocialMediAbility’ che, sul totale dei 720 casi esaminati, è passato, su una scala di valori da 0 a 10, dallo 0,79 registrato nel 2010 all’1,16 del 2011, con un incremento decisamente modesto.

Per richiedere la ricerca completa cliccare qui: http://www.osservatoriosocialmedia.com/richiedi-la-ricerca-completa/

– Infografica ‘SocialMediAbiliy’ (.pdf)

– Sintesi dei risultati (.pdf)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Mondiali 2018: spettatori a +18% sul 2014 (con partite divise tra Rai e Sky). Per la finale 4 milioni di contenuti social

Nel 2018 più di un’ora di tempo sarà spesa su video online. Previsioni Zenith: investimenti adv in crescita del 19%

Agcom, crisi editoria richiede ampia riflessione, in 10 anni perso metà del peso. Cardani: Sic vale 17,6 mld