Papa/ Twitter impazza fra Benedetto, Castro e il marxismo

Il topic #Il Papa il terzo fra gli utenti italiani
Roma, 23 mar. (TMNews) – “Il marxismo è “superato”, fuori dalla realtà , e Cuba dovrebbe cercare nuovi modelli: le parole di papa Benedetto XVI – da oggi in viaggio verso il Messico e poi l’isola comunista – stuzzicano l’umorismo della rete e in particolare di Twitter: fra gli utenti italiani l’hashtag #Il Papa oggi è il topic numero 3. L’immagine del Pontefice a Cuba soprattutto provoca battute fra l’irriverenza e l’analisi… politica.
“Il Marxismo è fuori dalla realtà . Più che altro è fuori moda ma si sa, è un po’ come i jeans a zampa d’elefante: torna sempre!” scrive un utente. E un altro che si firma Insopportabile: “Il Papa sprona Cuba: “Marxismo fuori dalla realtà “. Poi racconta quella di un uomo che muore e resuscita”. Sulla stessa linea: “‘Il marxismo è fuori dalla realtà ‘. E’ lì che vi siete conosciuti?”
In mezzo a vari tweet che rimandano ad articoli ‘seri’ non manca l’autocritica. “Il Papa è il terzo TT d’Italia… Paese bigotto!” . E poi le battute sull’ipotizzato incontro con Fidel Castro: “Il Papa da #Castro: uno di 85 l’altro di 86 anni, ne avranno di cose da raccontarsi!”. “Il papa visiterà  Cuba” chiosa Don Diego de la Sopa: “per l’occasione è stata organizzata la morte di Fidel Castro”.
Emerge anche l’invidia per il tour nel paradiso tropicale: “Il Papa, per la prima volta col bastone, in viaggio verso Cuba: “Vado a bermi un Daiquiri come Cristo comanda”. “Strana richiesta di tutti i cardinali di seguire il papa a Cuba! Chissà  come mai” sorride un altro. E infine Christian sospira: “Il Papa è partito per Messico e Cuba! Ho appena scoperto che pure io voglio fare il Papa”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Le dirette video di Facebook disponibili a tutti gli utenti. In Italia le stanno già sperimentando

Per cercare di superare la crisi l’ad di Twitter licenzia quattro dirigenti