ART.18: SIDDI, RISCHI PER STAMPA, PARLAMENTO ASCOLTI FNSI

IL 28 GIUNTA ESAMINA PROVVEDIMENTO E VALUTA EVENTUALI AZIONI

(ANSA) – ROMA, 24 MAR – “Il dibattito ed il confronto vero sull’articolo 18 e l’intera manovra lavoro, a questo punto, si apre proprio ora nella sede del Parlamento. E il sindacato dei giornalisti, sin da oggi, chiede di essere ascoltato anche per le specificità  delle ripercussioni su una attività  come quella dei giornalisti che rischia di essere minata nella sua autonomia e libertà  professionale”. E’ la richiesta del segretario della Federazione nazionale della stampa, Franco Siddi, che annuncia che mercoledì 28 marzo la Giunta esecutiva del sindacato dei giornalisti analizzerà  il provvedimento per valutare eventuali “azioni da mettere in campo”. “La sola ipotesi di licenziamenti economici per singoli o poche unità  di lavoratori anche ogni 120 giorni – sottolinea Siddi – può diventare infatti occasione per imprenditori poco onesti per liberarsi di giornalisti scomodi o non allineabili. In un momento di crisi economica come questo, che punge non poco sul settore dell’editoria, i rischi appaiono davvero alti e l’allarme non può essere ritenuto una mera reazione di parte, peraltro di una categoria già  in grande sofferenza per tagli occupazionali, prepensionamenti, piani di cassa integrazione e contratti di solidarietà . Anche per questo prevedere licenziamenti per motivi economici in un momento di crisi acuta, di assenza di sviluppo e di nuova occupazione, significa solo dare già  atto di un saldo negativo per i lavoratori”. La Giunta esecutiva della Fnsi “mercoledì farà  un’approfondita analisi di tutto il provvedimento – del quale rileva positivamente le azioni contro le false partite iva e per scoraggiare contratti precari – e valutare quali azioni mettere in campo, anche nei giornali, per suscitare le giuste attenzioni ai nodi irrisolti e gli indispensabili cambiamenti”. (ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Liberare le frequenze sopra i 700 Mhz entro il 2020 dai segnali tv. Le mosse dell’Unione Europea per apire il mercato al 5G