TLC: OK LIBERALIZZAZIONE ULTIMO MIGLIO, POTERI A AGCOM

SI’ UNANIMITA’ A NUOVO EMENDAMENTO GOVERNO A DL SEMPLIFICAZIONE

(ANSA) – ROMA, 27 MAR – “L’Agcom dovrà  individuare misure idonee ad assicurare l’offerta disaggregata” dei servizi sull’ultimo miglio delle Tlc, che potranno essere acquistati da operatori terzi. Lo prevede il nuovo emendamento del governo al dl Semplificazioni che ha incassato il via libera all’unanimità  dalla commissione Affari Costituzionali del Senato. Il nuovo emendamento del governo rappresenta, rispetto al testo precedente a firma del Esecutivo, una mediazione nei confronti delle proposte del Parlamento che puntavano a norme che erano immediatamente applicative senza la necessità  di dover ricorrere all’Agcom. “L’autorità  per le garanzie nelle comunicazioni, entro centoventi giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto”, si legge nel testo, individua “le misure idonee a assicurare l’offerta disaggregata dei prezzi relativi all’accesso all’ingrosso alla rete fissa e a i servizi accessori, in modo che il prezzo del servizio di accesso all’ingrosso alla rete fissa indichi separatamente il costo della prestazione dell’affitto della linea e il costo delle attività  accessorie, quali il servizio di attivazione della linea stessa e il servizio di manutenzione correttiva”. Inoltre, l’Autorità  per le Comunicazioni dovra “rendere possibile per gli operatori richiedenti, acquisire tali servizi anche da imprese terze operanti in regime di concorrenza sotto la vigilanza e secondo le modalità  indicate dall’Autorità  medesima, assicurando comunque il mantenimento della sicurezza della rete”.(ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Mai parlato con Niel della partecipazione di Iliad in Telecom, dice De Puyfontaine. E su Mediaset: per ora nessuna collaborazione, ma in futuro…

Vivendi acquista un ulteriore 0,86% di azioni Telecom. Jp Morgan limita la sua partecipazione al 9,9%

Tiscali: dimissioni per il Cda e il collegio sindacale al termine del processo di fusione con Aria. Convocata per il 16 febbraio l’assemblea dei soci