Comunicazione, New media

28 marzo 2012 | 9:56

USA: FBI, IN PARTITA CONTRO HACKER NON STIAMO VINCENDO

CRIMINALI WEB TROPPO BRAVI E DIFESE TROPPO DEBOLI
(ANSA) – NEW YORK, 28 MAR – Nella partita in corso contro gli hacker gli Stati Uniti “non stanno vincendo”: l’attuale approccio pubblico e privato è insostenibile. I criminali del web hanno troppo talento, mentre le misure per difendersi dai loro attacchi sono troppo deboli. A scattare la fotografia degli sforzi americani contro gli hacker è Shawn Henry, numero 1 dell’Fbi per la lotta al crimine sul web, in un’intervista al Wall Street Journal. Henry, che si appresta a lasciare l’Fbi dopo 20 anni per approdare in una società  privata come responsabile della cybersicurezza, ritiene che le aziende debbano apportare importanti cambiamenti nel loro modo d’uso dei network di computer per evitare ulteriori danni all’economia e alla sicurezza: le reti attuali sono vulnerabili, sia quelle delle multinazionali sia quelle delle start-up. Le aziende dovrebbe togliere dalle loro reti i dati di maggior valore e devono sviluppare una strategia di cybersicurezza. (ANSA).