INTERNET: PROPOSTA LEGGE UE, PRIGIONE PER CYBERCRIMINALI

PUNIRE ANCHE PRODUZIONE E VENDITA SOFTWARE PER ATTACCHI WEB
(ANSA) – BRUXELLES, 27 MAR – La pirateria informatica nella Ue deve diventare un reato punibile con almeno due anni di prigione. E’ il giro di vite contro il cybercrime contenuto in una proposta di legislazione europea approvata oggi (50 sì, 1 no, 3 astenuti) dalla Commissione Libertà  civili (Libe) del Parlamento europeo. E’ previsto che venga punito anche il possesso e la distribuzione del software e degli strumenti utili per compiere gli attacchi. Inoltre le società  saranno responsabili delle attività  di hacker in loro favore. La pena minima dovrebbe salire a tre anni di prigione in caso di attacchi con furto di identità  o quando colpiscono infrastrutture critiche, come i sistemi informatici degli impianti di produzione d’energia o le reti del trasporto pubblico. E dovrebbero essere condannato con cinque anni di reclusione l’uso di strumenti ideati per gli attacchi su larga scala come i ‘botnet’. “Il danno finanziario alle aziende, ai privati e al settore pubblico ammonta a diversi miliardi di euro all’anno” ha osservato la relatrice parlamentare, la tedesca Monika Hohlmeier (Ppe) che punta ad arrivare entro l’estate ad un accordo politico con il Consiglio Ue. (ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Le dirette video di Facebook disponibili a tutti gli utenti. In Italia le stanno già sperimentando

Per cercare di superare la crisi l’ad di Twitter licenzia quattro dirigenti