EDITORIA: FNSI E ASR, PER RIFORMISTA SCELTA AMARA E DOLOROSA

(AGI) – Roma, 29 mar. – “Scelta dolorosa e amara, quella della chiusura de ‘Il Riformista’ decisa dalla assemblea dei soci e comunicata pubblicamente alle agenzie di stampa dal direttore Emanuele Macaluso. La Fnsi, appena pochi giorni fa, aveva sollecitato la ripresa di un tavolo di confronto con la redazione e le parti sociali con lo scopo di evitare una conclusione traumatica di un importante giornale di idee e di riferimento politico. Oggi, invece, arriva la notizia della chiusura della testata con il profondo dissenso di una redazione che rappresenta un patrimonio professionale di valore al quale va tutta la solidarieta’ del sindacato dei giornalisti”. Cosi’ la Fnsi, la Federazione nazionale della stampa italiana e l’Associazione stampa romana in una nota. “Il direttore Macaluso, nell’editoriale di commiato parla di sospensione, ricordando che un nuovo editore potrebbe prendere il posto della cooperativa. I giornalisti denunciano con forza come nella vicenda – si legge nella nota – sia mancata piena chiarezza e come sia venuto meno l’ascolto e soprattutto quel tavolo di confronto che era stato invocato dal sindacato. Ricordiamo che con i colleghi alcuni mesi fa si era sottoscritta una intesa per contratti di solidarieta’ finalizzati proprio al salvataggio della testata. Questo e’ un sacrificio che meritava di essere considerato adeguatamente e che mantiene tutto il suo valore anche oggi. Per questo Fnsi e Asr chiedono che la gestione della liquidazione amministrativa del giornale non si limiti a meri atti di chiusura contabile ma cerchi in ogni modo di recuperare questa partecipazione, fatta di sacrifici, ricercando ogni strada perche’ una nuova compagine editoriale porti al piu’ presto alla ripresa delle pubblicazioni”. (AGI)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari