EDITORIA: GIORNALISTI RIFORMISTA, CHIUSURA? E’ INACCETTABILE

DA VERTICI NEGATO CONFRONTO E SOPRATTUTTO VERITA’ SUI CONTI

(ANSA) – ROMA, 29 MAR – “Prendiamo atto con profondo rammarico e completo dissenso della decisione votata a stretta maggioranza dall’Assemblea dei soci di procedere alla liquidazione immediata della cooperativa che edita questo giornale e alla immediata sospensione delle pubblicazioni. Rendiamo noto che tre giornalisti su sette membri hanno votato contro. L’assemblea di redazione giudica inaccettabile e gravissimo l’atto di liquidazione che, di fatto, rende difficile l’interessamento di possibili acquirenti. Chiediamo ai vertici di Fnsi, di Stampa romana, dell’ordine dei giornalisti, al mondo politico, alle forze sociali, agli intellettuali che hanno scritto sul nostro giornale e a tutti i nostri lettori di tenere ancora accese le luci e l’attenzione sulle sorti di questo quotidiano”. E’ quanto si legge in una nota dell’assemblea dei giornalisti del Riformista. “Nei suoi dieci anni di vita – prosegue – il Riformista è stato una voce libera, indipendente, coraggiosa, plurale, sempre appassionata, che ha ospitato idee di ogni schieramento, di tutte le aree culturali. La sua fine rappresenta un impoverimento del dibattito pubblico del nostro paese. E la sua fine, per come è avvenuta, rappresenta una ferita per l’intera redazione. Ai giornalisti, che avevano accettato sacrifici firmando lo stato di crisi tre mesi fa e accettando i contratti di solidarietà , è stato negato dai vertici del giornale il confronto, l’ascolto, un tavolo sindacale, la reale volontà  di cercare insieme una via d’uscita. E, soprattutto, è stata negata la verità  sui conti e sugli accordi con la precedente gestione, che sarebbero la motivazione vera della chiusura. Con maggiore chiarezza, ci sarebbe stata una fine meno ingloriosa di questa”. (ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari