Fede/ Avvocato Alecci: Licenziamento un filino esagerato

E sul caso svizzero “speriamo indagini rapide, storia strana”
Milano, 30 mar. (TMNews) – Il licenziamento di Emilio Fede da parte di Mediaset ”mi e’ sembrato un ‘filino’ esagerato nei modi e nei sistemi, perche’ Fede e’ un grande giornalista”. Lo ha detto uno dei legali dell’ex direttore del Tg4, l’avvocato Nadia Alecci, parlando con i cronisti al termine dell’udienza del processo milanese sul caso Ruby a carico di Lele Mora, Nicole Minetti e dello stesso Fede. ”Spero – ha aggiunto il legale – che i rapporti con l’azienda possano ripristinarsi con serenita’, perche’ questa e’ anche la volonta’ di Fede”. Anche l’altro difensore del giornalista, l’avvocato Gaetano Pecorella, ha commentato il caso delle dimissioni firmate da Fede: ”Mi pare che ormai sia tutto chiaro, non ci sono tensioni tra Fede e l’azienda”. E sulla eventuale presenza del giornalista alle udienze del processo, l’avvocato Alecci ha chiarito: ”Quando sara’ necessario verra’ al processo”. Sulla vicenda su cui sta indagando la Procura di Roma, invece, ovvero sul fatto che Fede avrebbe provato a depositare 2,5 milioni di euro in una banca svizzera, Alecci ha spiegato: ”Non sappiamo nulla perche’ del caso abbiamo letto solo sui giornali e speriamo che le indagini si facciano in fretta e facciano chiarezza, perche’ la vicenda ci sembra un po’ strana”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari