Moviemax: accordo con Sky Italia per vendita fino a 18 film l’anno

(ASCA) – Roma, 30 mar – Moviemax Media Group ha siglato un accordo ”quadro” con Sky Italia della durata di tre anni che prevede la cessione in esclusiva su tutte le piattaforme dei diritti Pay TV e Pay per View dei film cinematografici prodotti o distribuiti da Moviemax Media Group dal 1* ottobre 2011 al 30 settembre 2014. Piu’ in dettaglio, Sky Italia si impegna ad acquistare da Moviemax Media Group fino a 18 film all’anno per la trasmissione nei propri circuiti Pay TV e Pay per View. Il corrispettivo di remunerazione per la cessione dei diritti Pay TV e’ calcolato con un meccanismo progressivo sulla base degli incassi cinematografici del singolo film, mentre la remunerazione della cessione dei diritti Pay per View e’ su base revenue sharing sui ricavi conseguiti da Sky per lo sfruttamento degli stessi. Il management di Moviemax Media Group stima di conseguire ricavi per circa 25 milioni di euro derivanti dal suddetto accordo nel triennio di validita’. ”L’accordo, per diversi motivi, e’ molto importante e strategico per Moviemax Media Group” – afferma Guglielmo Marchetti, presidente e amministratore delegato della societa’ – in quanto ci garantisce un ritorno certo sugli investimenti, in questo senso abbiamo la possibilita’ di incrementare notevolmente il nostro business. Negli anni passati, abbiamo venduto in media dodici film all’anno per la Pay TV, oggi con la certezza di poterne vendere fino a 18, il 50% in piu’, potremo incrementare considerevolmente la marginalita’. Le risorse finanziarie derivanti dall’aumento di capitale appena annunciato saranno, quindi, interamente dedicate alla produzione e all’acquisizione di opere cinematografiche al fine di ampliare la nostra offerta di contenuti e capitalizzare al meglio l’accordo con SKY”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi