Cina/ Lotta anti-internet: oltre mille arresti da metà  febbraio

E chiusi i due principali siti di microblogging
Pechino, 31 mar. (TMNews) – La polizia cinese ha arrestato complessivamente 1.065 sospetti e cancellato più di 208mila messaggi “nocivi” nel corso della campagna anti-internet lanciata da metà  febbraio. Lo ha annunciato l’agenzia ufficiale cinese. Gli operatori di oltre 3mila siti internet hanno ricevuto avvertimenti in questa campagna che mira, ha spiegato l’agenzia di stampa Xinhua, al contrabbando di armi, droghe, prodotti chimici pericolosi, oltre che alla vendita di organi umani e di informazioni personali. Intanto i due principali siti di microblogging in Cina, ‘Sina Weibo’ e ‘Tencent QQ’ sono stati costretti a sospendere le loro attività  dalle autorità  di Pechino, a seguito delle voci diffuse una decina di giorni fa sull’imminenza di un golpe militare.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Il presidente iraniano Rohani: statue coperte? E’ solo un caso giornalistico

Padre Ciro Benedettini lascia la vicedirezione della sala stampa vaticana dopo 22 anni di servizio

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi