CINA: OLTRE 1000 ARRESTI DA FEBBRAIO PER CRIMINI SU INTERNET

(ANSA) – PECHINO, 31 MAR – La polizia cinese ha annunciato oggi di aver arrestato, dalla metà  di febbraio, 1.065 persone e cancellato più di 208.000 messaggi online ‘pericolosi’ nell’ambito di una intensa campagna nazionale sui crimini legati ad Internet. Lo scrive l’agenzia Nuova Cina. Nell’ambito dell’operazione, i gestori di più di 3.100 siti hanno ricevuto avvertimenti dalle autorità  e per 70 di queste società  che hanno ignorato gli avvertimenti, sono scattate delle punizioni amministrative. La campagna, chiamata ‘brezza primaverile’, secondo quanto riporta la Xinhua, ha colpito soprattutto la diffusione di informazioni sul commercio illegale di armi, droga e sostanze tossiche, oltre che la vendita di organi umani, la contraffazione di certificati o documenti e la vendita di informazioni personali. Le autorità  hanno dato il via all’operazione lo scorso 14 febbraio in risposta a molte denunce da parte dei cittadini. (ANSA)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Le dirette video di Facebook disponibili a tutti gli utenti. In Italia le stanno già sperimentando

Per cercare di superare la crisi l’ad di Twitter licenzia quattro dirigenti