GIORNALISTI: GIA’ 31 UCCISI DA INIZIO ANNO, 9 SOLO IN SIRIA

(AGI/EFE) – Ginevra, 2 apr. – Nei primi tre mesi del 2012 sono stati uccisi 31 giornalisti: una cifra doppia rispetto allo stesso trimestre del 2011. E’ quanto emerge dal rapporto annuale della ong svizzera Press Emblem Campaign, secondo cui a far salire il bilancio dei morti e’ stata la crisi in Siria, divenuta tra i Paesi piu’ pericolosi per i reporter. Nel Paese in rivolta contro Bashar al-Assad, tra gennaio e marzo sono morti nove giornalisti, cinque stranieri e quattro siriani: numeri, sottolinea la Pec, che riflettono una “tendenza allarmante”, confermando come la “sicurezza dei giornalisti sia peggiorata dall’inizio dell’anno”. “Il pesante tributo pagato in Siria colloca il Paese in prima linea tra i luoghi piu’ pericolosi per i giornalisti”, ha osservato Blaise Lempen, presidente della Pec. Dopo la Siria, il Paese piu’ pericoloso per i reporter nel primo trimestre 2012 e’ stato il Brasile, dove hanno perso la vita cinque giornalisti. A seguire la Somalia, dove sono morti tre giornalisti, e l’India, la Bolivia e la Nigeria, con due reporter uccisi. Una vittima, fra i giornalisti, anche in ognuno dei seguenti Paesi: Afghanistan, Colombia, Haiti, Honduras, Messico, Pakistan, Filippine e Thailandia. (AGI)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari