EDITORIA: FNSI, NO A LICENZIAMENTI ANTICIPATI A EPOLIS

(ANSA) – ROMA, 3 APR – “Nella già  grave vicenda del fallimento del Gruppo editoriale Epolis, oggi, per scelta unilaterale dei curatori fallimentari, si è verificato un ulteriore fatto negativo: al Ministero del Lavoro vi è stato un incontro a fronte della decisione della stessa curatela fallimentare di avviare, con anticipo, le procedure per i licenziamenti collettivi con ciò impedendo la conclusione della cassa integrazione nei tempi previsti”. Lo rende noto la Fnsi in una nota. “Al Ministero non si è raggiunta alcuna intesa – prosegue il sindacato -. Si tratta di un fatto senza precedenti che non trova giustificazione alcuna. Il Sindacato dei giornalisti ritiene che sia ancora possibile sospendere le procedure di licenziamento evitando un danno ulteriore a 118 giornalisti”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari