Editoria

04 aprile 2012 | 10:27

EDITORIA: IL ‘SECOLO D’ITALIA’ RINASCE CON UN VESTITO NUOVO

(ANSA) – ROMA, 3 APR – Il Secolo D’Italia, quotidiano storico del Movimento Sociale Italiano, rinasce nuovo di zecca a 60 anni dalla fondazione. Per festeggiarne il rilancio lo staff dirigenziale del giornale e molti parlamentari del centrodestra hanno tenuto una conferenza stampa a Montecitorio per presentare la novità  editoriale. Tra i politici c’erano Ignazio La Russa, Altero Matteoli e Barbara Saltamartini. Unanime il plauso per il ritorno in edicola del quotidiano, caratterizzato da un grande formato, da una stampa interamente a colori e dalle grandi fotografie, anche se i problemi economici non sono stati completamente superati. All’ex ministro della Difesa i giornalisti hanno chiesto se non senta la mancanza di Gianfranco Fini nel quotidiano. “Il presidente della Camera – é stata la risposta – ha fatto scelte politiche diverse dalle nostre, ma questo non toglie nulla al grande contributo militante e intellettuale che Fini ha dato al giornale”. “Secolo D’Italia”, quotidiano di Alleanza Nazionale, giornale ‘murale’ registrato il 23 febbraio 1976 presso il tribunale di Roma”, si legge nella gerenza. In realtà  la testata vive dal lontano 1952 e diventa organo officiale del Msi dieci anni dopo. Ma perché ‘murale’ ai tempi di internet? Perché all’epoca di doveva chiedere il permesso per affiggerlo anche nelle bacheche, cosa che puntualmente i militanti fanno nelle sezioni del Pdl e nei luoghi di lavoro.