Editoria

04 aprile 2012 | 14:03

Editoria/ ‘Festival dell’inedito’, critiche su costi iscrizione

Polemiche per kermesse letteraria in programma a Firenze
Firenze, 4 apr. (TMNews) – Dal 26 al 28 ottobre si tiene a Firenze il ‘Festival dell’Inedito’, dedicato a scrittori esordienti e allo scouting letterario. Ma non mancano critiche, anche da parte di un gruppo di intellettuali e di scrittori invece già  affermati, per vari aspetti della manifestazione. In particolare, un appello firmato da Marco Vichi, Francesco Recami e Michela Murgia, tra gli altri, prende di mira le “cospicue quote di iscrizione” che devono pagare i partecipanti.
“A nostro avviso – recita l’appello- l’obiettivo non dichiarato del concorso è fare cassa sui sogni e le aspirazioni di chi scrive: ai 130 euro richiesti per la prima fase di selezione, con i quali i concorrenti acquistano una scheda di lettura della loro opera, se ne aggiungono altri 400 per il noleggio di uno stand di cui non si capisce l’utilità ”. L’appello è stato ripreso da numerosi blog e siti dedicati alla letteratura. Alberto Acciari, presidente dell’agenzia ideatrice del festival si difende spiegando che “il nostro è un evento unico in Italia, originale e di alto valore letterario. Ed è una manifestazione privata. Noi garantiamo agli autori un contatto con editori e produttori che investiranno sui loro testi. E l’organizzazione ha dei costi”.