Televisione

05 aprile 2012 | 16:24

TV: BENTIVOGLIO E TIRABASSI CHEF IN BENVENUTI A TAVOLA

DAL 12/4 SU CANALE 5, SFIDA NORD-SUD CON INDOVINA E DEBORA VILLA

(di Daniela Giammusso) (ANSA) – ROMA, 5 APR – Cassoeula contro casatiello, risotto allo zafferano contro spigola al guazzetto e ancora scaloppine, amaretti e babà . Dopo i reality, i programmi ad hoc e le rubriche nei tg, la cucina debutta nella fiction con Giorgio Tirabassi e Fabrizio Bentivoglio versione chef in ‘Benvenuti a tavola – Nord vs Sud’, nuova serie di Canale 5 al via il 12 aprile, che sin dal titolo cavalca l’onda del successo cinematografico dei film con Claudio Bisio e Alessandro Siani. Prodotta da Pietro Valsecchi con la Taodue, regia di Francesco Micciché e con, tra gli altri, Lorenza Indovina, Debora Villa, Antonio Catania, Teresa Mannino e Umberto Orsini, la serie (16 puntate in 8 serate) mette in scena la rivalità  tra due mondi culinari e non solo, con due chef dirimpettai di ristorante: il milanese doc Carlo Conforti (Bentivoglio) con l’elegante ‘Il meneghino’ e il siculo-cilentano Paolo Perrone emigrato con tutta la famiglia dopo aver acquistato una trattoria a Milano. “L’idea nasce da lontano – racconta Valsecchi -. Mio padre si salvò dal campo di concentramento di Dachau perché faceva il cuoco. Tornò in Italia a piedi, era contadino e andava a cercare tra i tuberi e le insalate il meglio da portare in tavola. Seguendolo mi sono appassionato e credo di essere un bravo cuoco. Poi c’é stato il padre di mia moglie Camilla (Nesbitt, ndr) che era un grande anfitrione e aveva sempre a cena tutti, anche Tognazzi. A un certo punto mi è venuta voglia di aprire un ristorante, ma avevo contro tutta la famiglia. Così ho fatto una serie”. Pensata inizialmente con una rivalità  ‘Francia contro Italia’, che potrebbe forse tornare nella seconda edizione “sul set probabilmente a settembre” (ma si pensa anche a un filone etnico), la fiction, prosegue Valsecchi, racconta la “cucina, luogo creativo per eccellenza, ma fa pensare anche a cosa mangiamo, affrontando il tema della contraffazione”. A segnare i primi colpi bassi tra i due protagonisti, non a caso, sono proprio delle (finte) mozzarelle blu. Cuochi un po’ “d’emergenza”, l’uno specializzato in “pasta burro e parmigiano” e l’altro in “primi e cotolette per avere una standing ovation a casa”, Bentivoglio e Tirabassi hanno dovuto imparare, quantomeno, tutti i movimenti in cucina, seguiti sul set da una squadra di chef professionisti che appaiono anche come guest star nelle videoricette che i personaggi consultano sul reale sito www.youcook.it. “Negli ultimi anni – racconta Bentivoglio – mi hanno chiesto sempre personaggi in fase terminale, moribondi, depressi. Questa era l’occasione per un ruolo completamente diverso, che in genere si affida ad Abatantuono, leggero, un uomo ‘a petto in fuori”. All’inizio, aggiunge Tirabassi, “mi lasciava scettico una certa semplicità  nella storia. Invece è proprio quella la chiave che trascina la serie. L’obiettivo, non facile, è mettere tutta la famiglia insieme davanti alla tv”. Ogni serata si conclude con una sfida ai fornelli tra i due, in cui il pubblico può votare la ricetta preferita, vincendo cesti di prodotti alimentari. Nascerà  anche un libro, con i segreti dei piatti dei due ristoranti. (ANSA).