RAI: POSITIVO BILANCIO AL MIP TV DI CANNES, +15% LE VENDITE

(AGI) – Roma, 5 apr. – Con un lusinghiero piu’ 15% rispetto all’anno scorso, si chiude con un bilancio positivo per la Rai il MIP TV di Cannes, il piu’ grande e frequentato mercato del mondo di prodotti e format per la televisione. E questo nonostante i tagli agli investimenti da parte di molti operatori del settore televisivo. Il titolo singolo che ha fatto registrare il maggior interesse e’ stato “Il giovane Montalbano”, venduto negli Usa alla rete MHZ e in Australia ad AZTEC. Anche HBO America Latina ha manifestato un forte interesse verso questa serie. Le tv dei Paesi occidentali France tv, BBC, Arte’, hanno invece mostrato di preferire il prodotto Rai caratterizzato da un maggior livello di sofisticazione nella storia e nella realizzazione, puntando quindi su “L’ispettore Nardone”, “Tutta la musica del cuore” e “La ragazza americana”. Molto apprezzato e richiesto il film dei fratelli Taviani “Cesare non deve morire”, recente trionfatore con l’Orso d’Oro alla Berlinale.
La notizia poi dell’accordo con Cinecitta’-Luce, in virtu’ del quale la Rai ha acquisito la titolarita’ della distribuzione internazionale della grande library di film e documentari di Cinecitta’ – Luce, e’ stata accolta con favore dai mercati e ha dato gia’ primi frutti: la giapponese NHK ha infatti acquistato il film “Partner” di Bernardo Bertolucci, che l’azienda di viale Mazzini RAI restaurera’ in alta definizione rendendolo cosi’ piu’ fruibile per il mercato giapponese. Da segnalare anche il ritorno di clienti da realta’ che da tempo non acquistavano prodotti Rai, come il Sud Corea e le Filippine e la prima volta di Mongol Tv della Mongolia interessata alle serie romantiche e alle produzioni Rai in costume. (AGI)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi