Tv: Gentiloni, ora evitiamo asta frequenze low cost (Rep)

ROMA (MF-DJ)–“L’azzeramento del beauty contest e’ una buona notizia. Adesso dal governo mi aspetto che non subisca i veti dei partiti e che punti ad ottenere il massimo di risorse economiche dalla gara. Spero di non assistere a un’asta low cost”. Lo afferma in un’intervista a La Repubblica, l’ex ministro delle Comunicazioni e responsabile dell’agenda digitale del PD, Paolo Gentiloni, aggiungendo che “e’ vero che il mercato televisivo e’ saturo e in crisi di pubblicita’, pero’ non e’ possibile rinunciare all’incasso” dall’asta. “Servono piu’ frequenze per la banda larga. Dobbiamo pensare al futuro, il governo deve guardare a Internet”, conclude.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Il presidente iraniano Rohani: statue coperte? E’ solo un caso giornalistico

Padre Ciro Benedettini lascia la vicedirezione della sala stampa vaticana dopo 22 anni di servizio

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi