MEDIA: CRESPI, ADDIO A SONDAGGI. FARO’ SOLO COMUNICAZIONE

(AGI) – Roma, 11 apr. – Luigi Crespi, dell’Istituto Crespi Ricerche, annuncia il suo addio al mondo dei sondaggi e delle ricerche “per dedicarsi a tempo pieno alla comunicazione”. “Progressivamente, con il tempo, il comunicatore ha prevalso sul ricercatore, lo spin-doctor sul sondaggista. In vent’anni di sondaggi, tanti successi e anche sonore sconfitte, ma tutte medaglie appese al petto, ho avuto tanti clienti, in Italia e nel mondo, a tutti i livelli: dalle aziende alle multinazionali, dai partiti ai singoli politici”, spiega al Clandestinoweb. Ora, pero’, “sono convinto che misurare il consenso e creare le condizioni per accrescerlo siano diventate due attivita’ incompatibili. Il rischio – ammette – e’ di non essere credibile come misuratore del consenso quando si e’ deputati anche alla ricerca per accrescerlo, attivita’ che preferisco di gran lunga”. E allora, se “in Italia ho contribuito a definire un mestiere, quello del sondaggista, che in molti oggi fanno bene”, Crespi decide di “rompere un’ambiguita’ e lasciare il mondo dei sondaggi e delle ricerche per concentrarmi con forza nella comunicazione. Continuero’ ad analizzare i dati e a interpretarli, magari utilizzando le nuove tecnologie e le diverse piattaforme che il mercato oggi fornisce”. (AGI)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari