Cinema/ Stop a film Giuda Maccabeo, Gibson accusato odiare ebrei

Le accuse di Ezsterhas, dopo che Warner rifiuta sua sceneggiatura
Roma, 12 apr. (TMNews) – Mentre la Warner Bros ha bloccato il film ispirato a Giuda Maccabeo, il suo sceneggiatore, Joe Eszterhas, che firmato film di culto come “Flashdance” (1983) e “Basic Istinct” (1992), non usa mezzi termini contro Mel Gibson: “Tu odi gli ebrei”.
In una lettera di nove pagine, visionata dal sito The Wrap, Eszterhas attacca la star di “Arma letale” (1987) e “Braveheart” (1995) su tutti i fronti, dalla negazione dell’Olocausto agli insulti antisemiti, fino alla sua vicenda sentimentale con la poetessa russa, Oksana Gregorieva, minacciata di morte dall’attore.
La Warner ha interrotto i lavori della pellicola sull’eroe che guidò la ribellione ebraica contro il sovrano siriano tra i I e il II secolo a.C., che il regista 56enne aveva intenzione di co-produrre e dirigere, perchè la sceneggiatura di Eszterhas era risultata “poco commovente” e mancante di un “senso di trionfo”.Secondo Eszterhas, Gibson non aveva intenzione di portare una versione avvincente della storia di Giuda Maccabeo sul grande schermo, ma intendeva fare il film solo per dimostrare che non ha niente contro gli ebrei. Ma il vero motivo per cui non vuole fare il film è il peggiore possibile: “Tu odi gli ebrei”, ha attaccato lo sceneggiatore statunitense di origini ungheresi.
Gibson ha replicato con una breve lettera pubblicata da Deadline, nella quale respinge le accuse come “pura invenzione”: “Credo solo che hai un problema con me dopo che la Warner ha respinto la tua sceneggiatura”, ha tagliato corto Gibson, per il quale il film su Giuda Maccabeo era inteso come un sequel de “La passione di Cristo” (2004).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Il presidente iraniano Rohani: statue coperte? E’ solo un caso giornalistico

Padre Ciro Benedettini lascia la vicedirezione della sala stampa vaticana dopo 22 anni di servizio

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi