Rai/ Sindacati: Licenziati 38 lavoratori a New York

“Rifiutata dall’azienda ogni possibile accordo di tutela”
Roma, 12 apr. (TMNews) – “Oggi è l’ultimo giorno di lavoro dei 38 lavoratori di Rai Corporation, società  che da 51 anni è la finestra della tv di Stato negli Stati Uniti. L’operazione, ideata dal vicedirettore generale Gianfranco Comanducci e assunta con deliberazione del 29 novembre dal Consiglio di Amministrazione, nonostante l’opposizione dei sindacati, non ha trovato una soluzione positiva”. Con Rai Corporation se ne va, dunque, un riferimento importante del nostro paese per gli italiani all’estero, per le attività  e l’immagine della Rai negli Stati Uniti”. Lo annuncia una nota congiunta di Slc Cgil, Fistel Cisl e Snater.
“Resta l’amarezza – proseguono i sindacati – di non essere riusciti a convincere l’azienda della gravità  del danno che è portato anche al patrimonio Rai e della possibilità  di imboccare un`altra strada virtuosa. La Rai, nell’ultima discussione, ha rifiutato un’ultima proposta a salvaguardia almeno dei livelli occupazionali, cioè inserire delle clausole sociali nel contratto che dovrà  stipulare con l’agenzia di servizio, al fine di consentire ai lavoratori licenziati di trovare comunque una occupazione che abbia ilsenso della continuità  professionale”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari