INTERNET: RINALDI, TROPPO POTERE A AGCOM, RISCHIO E-FASCISMO

CAPOGRUPPO IDV A PE ADERISCE A CAMPAGNA AVAAZ CONTRO CENSURA WEB

(ANSA) – BRUXELLES, 14 APR – “Una stagione di fascismo elettronico”. E’ quello che teme possa arrivare in Italia l’europarlamentare e capodelegazione Idv a Bruxelles, Niccolò Rinaldi, che ha annunciato di aver aderito alla campagna di Avaaz lanciata per fermare il bavaglio alla Rete e, in particolare, “la possibilità  che all’AgCom (l’authority italiana per le tlc) vengano assegnati eccessivi poteri che le permetterebbero di censurare siti come Youtube, Wikileaks e la stessa Avaaz”. “In Italia rischia di abbattersi una stagione di fascismo elettronico, un pericolo peraltro già  denunciato durante l’ultimo governo Berlusconi dal massmediologo di fama planetaria Derrick de Kerckhove, quando il centrodestra tentò di imbavagliare la Rete – ha osservato Rinaldi -. Ora, a distanza di pochi anni, sotto il governo dei tecnici il rischio non sembra affatto scongiurato: la bozza di regolamento dell’Agcom sul diritto d’autore online, infatti, renderebbe la stessa Agenzia addirittura alternativa all’autorità  giudiziaria”. “Le potentissime lobbies industriali – ha concluso Rinaldi – stanno spingendo affinché si approvino norme a loro favore, ed é quindi necessaria una grandissima mobilitazione per scongiurare il rischio di una censura alla Rete. Se Monti e il suo governo non interverranno con una posizione chiara, solleciteremo l’Ue a pronunciarsi”. (ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Le dirette video di Facebook disponibili a tutti gli utenti. In Italia le stanno già sperimentando

Per cercare di superare la crisi l’ad di Twitter licenzia quattro dirigenti