Editoria

16 aprile 2012 | 9:44

LAVITOLA: ASSOCIAZIONE DELINQUERE PER FONDI EDITORIA

REATO CONTESTATO ANCHE A SEN.DE GREGORIO E AD ALTRE 4 PERSONE

(ANSA) – ROMA, 16 APR – Nella nuova ordinanza di custodia cautelare emessa a carico di Valter Lavitola, del sen. Sergio De Gregorio e di altre persone, si contesta ai due e ad altre quattro indagati – Antonio Bifano, Vincenzo Ghionni, Roberto Cristiano e Patrizia Gazzulli – il reato di associazione per delinquere legata ai fondi per l’editoria. In particolare a Lavitola, De Gregorio (entrambi ritenuti promotori dell’associazione per delinquere) e agli altri quattro si contesta di essersi associati “tra loro e con altre persone allo stato non identificate al fine di commettere più reati di emissione ed utilizzazione di fatture per prestazioni inesistenti, occultamento e distruzione di scritture contabili, riciclaggio, corruzione, bancarotta fraudolenta documentale e patrimoniale, appropriazione indebita aggravata, trasferimento fraudolento di denaro, truffa e fraudolenta percezione di contributi pubblici (particolarmente quelli previsti per l’editoria) ed ogni altro delitto teso a finanziare illegalmente le proprie attività  politiche ed imprenditoriali”. In questo contesto, sarebbero state costituite amministate e poi anche “spogliate” alcune società  “che fornivano stabilmente i giustificati documentali relativi a prestazioni inesistenti – scrive il gip – sia per ottenere contributi pubblici per l’editoria (dirottati, poi, verso destinazioni allo stato ignote ed in via di accertamento e comunque nella disponibilità  individuale degli indagati e di altri soggetti allo stato non identificati), sia per mascherare attività  di spoliazione patrimoniale delle società  e di riciclaggio e per occultare i proventi di attività  corruttive ovvero le provviste per corrompere”. (ANSA)