MEDIA: SIDDI (FNSI), INFORMAZIONE IN AFFANNO COME ISTITUZIONI

AGI) – Sassari, 15 apr. – “Le istituzioni sono in affanno a livello nazionale come nelle autonomie speciali, tra cui quella sarda, ma anche l’informazione patisce una fase di crisi, non solo di carattere tecnico o economico, nel tempo delle grandi trasformazioni”. Lo ha detto ad Alghero (Sassari) il segretario nazionale della FNSI, Franco Siddi, durante la tavola rotonda ‘Partecipazione e democrazia istituzionale’, inserita nel XII congresso regionale delle Acli della Sardegna. “I media possono riscattarsi forse piu’ in fretta, agganciandosi con tenacia alle linee guida della credibilita’ e del valore sociale dell’informazione – ha aggiunto Siddi -, ne hanno bisogno soprattutto i cittadini e le popolazioni delle aree piu’ deboli dei territori in crisi”. L’informazione deve “mettere al centro la vita delle persone, della comunita’ sarda, della realta’, delle ansie e delle speranze. Se mancano l’ascolto, la comprensione e il racconto della realta’ – ha spiegato – cade la speranza, cade il ruolo civile dell’informazione”. Secondo il segretario del sindacato dei giornalisti, serve una democrazia partecipativa “per ricostruire e rigenerare l’autonomia e la Regione, da realizzare per noi e non soltanto da declamare. La politica autoreferenziale, fatta di chiacchiere e lotte per poltroncine e strapuntini e’ inutile e dannosa – ha detto Siddi – mentre ci troviamo davanti a una sfida alta: realizzare una nuova alleanza sociale sarda per cambiare pagina, fatta di lealta’ e legalita’, in discontinuita’ con la messinscena attuale. Serve un patto coi cittadini da parte di chi occupa posti di responsabilita’ pubblica”. (AGI)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari