EDITORIA: NAZIONE; FNSI, SCONCERTA LICENZIAMENTO DIRETTORE

(ANSA) – ROMA, 18 APR – La Giunta Esecutiva della Federazione nazionale della stampa e l’Associazione Stampa toscana, insieme con la Consulta delle Associazioni Regionali di Stampa, “esprimono la più viva protesta e grande sconcerto per l’inaudito licenziamento del direttore della Nazione Mauro Tedeschini, sacrificato dall’editore a seguito di contrasti sulle autonome e libere scelte di informazione a lobby politica e bancaria”. “Tutto il sindacato dei giornalisti – si legge in una nota diffusa dalla Fnsi – è a fianco dei colleghi della Nazione che hanno proclamato un giorno di sciopero immediato per denunciare l’intollerabile offesa all’autonomia e alla dignità  del direttore e dell’intero corpo redazionale di un giornale storico del nostro paese. La Giunta della Federazione della Stampa, l’Associazione Stampa Toscana e la Consulta di tutti i presidenti dell’Associazione Regionali di Stampa denunciano con forza all’opinione pubblica i gravissimi rischi di ingerenza – anche indiretta – che minano le autonomie editoriali (anche quelle delle imprese che magari ne diventano corresponsabili) attraverso conflitti di interesse e la sovrapposizione di poteri di condizionamento. La vicenda della Nazione – conclude la nota – è spia di un gravissimo allarme che non può non suscitare la riprovazione pubblica e l’assunzione di iniziative a tutela dell’autonomia e dello statuto dell’impresa editoriale”. (ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari