Mediaset: P.S.Berlusconi, asta frequenze e’ assurda

ROMA (MF-DJ)–“La nuova gara per le frequenze? Cosi’ come e’ congegnata rischia di escludere Mediaset in partenza. E’ assurdo, sembra di essere tornati ai tempi del Governo Prodi. Al momento una sola cosa e’ certa: sara’ un’asta al ribasso”.
Parla cosi’ il vice presidente di Mediaset Pier Silvio Berlusconi dalle colonne di Repubblica sulla gara per le frequenze tv spiegando come “vedremo piu’ avanti se presentare la nostra offerta. Ma di sicuro combatteremo fino in fondo per essere ai nastri di partenza”.
“Il beauty contest era una procedura che ricalcava quello che era stato fatto in tutta Europa. E con il metodo attuale non credo che alla fine l’asta dara’ i risultati di cui si parla in questi giorni. Il tetto dei cinque multiplex – spiega – rischia di mettere fuori gioco prima del via sia Mediaset che Rai. Un assurdo. Non e’ giusto escluderci a priori. E poi se escludi i principali players di che asta parli?”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Mai parlato con Niel della partecipazione di Iliad in Telecom, dice De Puyfontaine. E su Mediaset: per ora nessuna collaborazione, ma in futuro…

Vivendi acquista un ulteriore 0,86% di azioni Telecom. Jp Morgan limita la sua partecipazione al 9,9%

Tiscali: dimissioni per il Cda e il collegio sindacale al termine del processo di fusione con Aria. Convocata per il 16 febbraio l’assemblea dei soci