Cinema/ il Giffoni Film Festival rischia la bancarotta

Il direttore Claudio Gubitosi chiede aiuto al Qatar: adottateci
Milano, 19 apr. (TMNews) – Il Giffoni Film Festival chiede aiuto al Qatar. Non è una provocazione, ma un disperato tentativo di trovare fondi per salvare dalla bancarotta il festival del cinema per ragazzi più conosciuto al mondo; si parla di finanziamenti promessi e mai arrivati per 4 milioni di euro. Il direttore Claudio Gubitosi confessa di avere la valigia pronta: “Parto per il Qatar – spiega – dove chiederò al governo, al suo sceicco e alla sua signora che ama molto la cultura di adottarci”.
Il Qatar è uno dei Paesi in cui il Festival è stato in trasferta e potrebbe dare un aiuto alla manifestazione nata 42 anni fa, che ha fatto sognare milioni di bambini, ha affascinato Franà§ois Truffaut e crea lavoro e indotto.
“Non si può più lavorare così – continua il direttore del Gff – siamo pronti per una grandissima edizione ma questa potrebbe essere l’ultima edizione del Giffoni Film Festival. Abbiamo lanciato un appello a 500 imprenditori italiani, non ho avuto alcuna risposta”.
Sul sito del Giffoni Experience resta l’appello “Il tempo dei mecenati”, in cui si chiede ad aziende e associazioni di aiutare il festival che quest’anno si terrà , sempre a Giffoni Valle Piana in provincia di Salerno, dal 14 al 24 luglio e avrà  per tema “La felicità “; si spera un augurio e non un’amara ironia.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Venticinque milioni in più per il tax credit per il cinema. Il ministro Franceschini: uno strumento di sostegno che sta conoscendo un successo straordinario

Dalle serie tv, agli spettacoli comici passando per le produzioni made in Italy. Conto alla rovescia per l’arrivo di Netflix nel nostro paese

Dalla revisione di tax credit e quote di partecipazione, al nuovo modello per la negoziazione dei diritti. Governo al lavoro per il rilancio del settore audiovisivo