Pubblicità  sui media – Gennaio/Febbraio 2012

Nielsen Media Research: il mercato pubblicitario italiano nel bimestre gennaio/febbraio 2012.

– Il mercato pubblicitario italiano nel primo bimestre 2012 (.pdf)

Il commento di Nielsen
Dopo un gennaio buio per la raccolta pubblicitaria italiana, il primo bimestre non mostra significativi passi in avanti e il solo pareggio con l’anno precedente risulta ancora lontano da raggiungere. A totale tipologie di comunicazione il dato cumulato gennaio – febbraio 2012 mostra una variazione del -5,7% rispetto allo stesso periodo del 2011.
Nessuna novità  a livello di singoli mezzi di comunicazione rilevati da Nielsen. Il piccolo schermo, cosi come stampa e radio continuano ad influenzare negativamente i risultati dell’intero mercato pubblicitario. In opposizione troviamo il mezzo internet che continua, nonostante le difficoltà , ad aumentare la propria raccolta (+12,3%). In calo tutti gli altri mezzi, ad eccezione dell’out of home tv.
Per i primi due mesi dell’anno buoni risultati per farmaceutici/sanitari (+16,1%) e finanza/assicurazioni (+23,1%). Stabili gli investimenti delle aziende automobilistiche (+0,9%) dopo le variazioni positive degli ultimi mesi. Continua a pesare la contrazione della spesa delle aziende food&beverage.

– Il mercato pubblicitario italiano nel primo bimestre 2012 (.pdf)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Stampa, 2019 annus horribilis per la pubblicità -11%. Fcp: raccolta quotidiani -9,7%, periodici  -13,4

Stampa, 2019 annus horribilis per la pubblicità -11%. Fcp: raccolta quotidiani -9,7%, periodici -13,4

La radio chiude l’anno in positivo: +1,7% da gennaio per la pubblicità. Fcp: nel 2019 andamento non lineare di tutto il mercato pubblicitario

La radio chiude l’anno in positivo: +1,7% da gennaio per la pubblicità. Fcp: nel 2019 andamento non lineare di tutto il mercato pubblicitario

Novembre in crescita del 16,5% per la Go Tv. Dati Fcp: da gennaio progressivo al 7%

Novembre in crescita del 16,5% per la Go Tv. Dati Fcp: da gennaio progressivo al 7%