UNIVERSITA’: HARVARD SPINGE PER OPEN-ACCESS A RIVISTE ACCADEMICHE

(AGI) – Londra, 24 apr. – Harvard vuole rendere aperto l’accesso alle rivista accademiche per fare economia. L’ateneo americano spende quasi 3.75 milioni di dollari in riviste accademiche: alcune pubblicazioni possono costare, infatti, fino a 40mila dollari, il prezzo di piu’ di un anno di lezioni. L’industria editoriale accademica, riporta il Guardian, e’ rinomata per il suo potere sul mercato che le ha permesso di spingere i prezzi sempre piu’ in alto, limitando la diffusione delle ricerche solo agli abbonati anche se si tratta di studi prodotti fondamentalmente dagli sforzi di facolta’ universitarie pagate con fondi pubblici. Il che significa, secondo i detrattori, monopolizzare una risorsa pubblica che impone gia’ tasse esorbitanti per restare in piedi. “Una situazione fiscalmente insostenibile e accademicamente restrittiva”, ha spiegato in un documento ufficiale il comitato delle Facolta’ di Harvard che ha posto la questione e ha chiesto agli insegnanti di pubblicare finalmente ad accesso aperto studi e ricerche. Una campagna che sta aumentando giorno dopo giorno i suoi sostenitori attraverso il motto “Move prestige to open access”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari