Editoria, New media

26 aprile 2012 | 10:02

FESTIVAL PERUGIA: FACT CHECKING, LA VERIFICA E’ 2.0

AHREF LANCIA DAL 28/4 PIATTAFORMA DI CONDIVISIONE INFORMAZIONI

(di Titti Santamato) (ANSA) – ROMA, 24 APR – La verifica delle notizie è importante per i giornalisti ma anche per i lettori, ancora di più ai tempi di Internet. Ora arriva una piattaforma che permette a tutti, grazie al principio della condivisione insito nella Rete, di segnalare inesattezze viste su web, carta stampata e tv. Si chiama ‘Fact Checking’ e sarà  lanciata il 28 aprile a Perugia, nell’ambito del Festival di Giornalismo. E’ un’idea di Ahref – la Fondazione di ricerca non-profit già  creatrice del sito di inchieste partecipate Timu – che ha al centro dei suoi scopi statutari il pubblico attivo di Internet e il suo rapporto con l’informazione e le istituzioni. “Hai ascoltato in televisione una dichiarazione che non ti convince? Hai letto qualcosa di inesatto? Inizia un nuovo fact checking!”, questo l’invito che Ahref lancia a cittadini, gruppi, associazioni e professionisti dell’informazione per contribuire alla verifica delle informazioni. Fact checking – espressione inglese che significa proprio verifica dei fatti – é dunque concepita come un’attività  critica cooperativa, uno strumento che consente di avere una risposta ai dubbi attivando un processo di collaborazione civica in Rete. Per far scattare una verifica condivisa basta andare su www.factchecking.it (il link sarà  attivo dal 28 aprile, giorno del lancio), inserire la notizia che ha scatenato dei dubbi e documentarla con il materiale che si ha a disposizione (testi, video, file audio, etc…). A questo punto scatta l’appello alla community a collaborare alla verifica con il ‘fact checking’. E’ possibile condividere la notizia sui social network e si può anche monitorare quali sono i personaggi più commentati e le fonti più utilizzate dalla comunità  del ‘Fact Checking’. “Il fact checking deriva dalla tradizione del giornalismo professionale: è un metodo empirico per dimostrare se dichiarazioni e fatti sono attendibili, attraverso la raccolta e il confronto di fonti”, spiega Ahref, precisando che “per dimostrare o confutare una notizia si possono usare fonti di ogni tipo rispettando però sempre i quattro principi di accuratezza, imparzialità , indipendenza, legalità ”. La piattaforma che sarà  lanciata al Festival del Giornalismo di Perugia fa parte del progetto Civic Links della Fondazione Ahref: è un aggregatore di media civici per chi fa informazione responsabile “condividendo un metodo che ha come cardini i principi di accuratezza, indipendenza, legalità , imparzialità ”. (ANSA).