Musica: esce ‘Playmusic’, la nuova rivista di Panini Magazines

(ASCA) – Roma, 26 apr – Nuova iniziativa di Panini Magazines, il marchio con cui la Panini edita una serie di testate rivolte soprattutto ai giovani. Sabato 28 aprile, uscira’ in edicola il primo numero di ”Playmusic”, il nuovo mensile di musica diretto da Marco Iafrate. Caratterizzata da un’impaginazione moderna e da una ricerca iconografica molto attenta, la rivista ha come sottotitolo ”Il piacere della musica” ed e’ stata pensata per essere collezionata. Vuole essere infatti un magazine di musica a 360* (rock, pop, jazz, metal, etnica, italiana, classica, ecc.), sempre attento all’attualita’ ma anche con approfondimenti sui capolavori del passato. Il formato e’ grande (205×270 mm), con una foliazione di 82 pagine. Il primo numero, che avra’ un prezzo di 3,50 euro, uscira’ con due diverse copertine: una d’attualita’ dedicata a Bruce Springsteen ed un’altra storica con la famosa immagine dei Beatles che attraversano le strisce pedonali in Abbey Road. Tanti i protagonisti e gli argomenti del primo numero di ”Playmusic”. Un ampio servizio sara’ dedicato appunto a Springsteen, in vista del suo imminente tour in Italia. Seguiranno alcune interviste esclusive, come al chitarrista Brian May e ai Pooh, oltre ad articoli su numerosi artisti e band, tra cui The Black Keys, R.E.M., Noel Gallagher, Paul Weller, Adele e molti altri. Interessanti anche le inchieste sulla musica ascoltata dai calciatori e sui plagi nelle famose colonne sonore dei film. Prima puntata poi per ”Music Story”, un excursus monografico che ripercorre la storia della musica: la prima puntata e’ dedicata ai ”Favolosi anni ’60”. La rivista conterra’ anche un’ampia sezione dedicata alla recensioni (oltre 70), suddivise per tipo di musica, ed una serie di rubriche fisse, come ”Live World” sugli appuntamenti live da non perdere e ”Hi-fi forever” sugli oggetti classici per il buon ascolto. ”Playmusic e’ per tutti coloro che non possono fare a meno della musica”, sottolinea il direttore Marco Iafrate, ”per gli appassionati, ma anche per i professionisti. Vogliamo parlare di musica in tutti i suoi aspetti, le sue sfumature e i suoi retroscena, raccontando in ogni numero i grandi artisti di sempre come anche le giovani leve che si affacciano solo ora sul mercato. E lo vogliamo fare con la precisione dei cronisti e il cuore dei fans”. ”Uscire con una nuova rivista di musica, in un momento di profonda crisi dell’industria discografica”, spiega Alex Bertani, marketing manager di Panini Magazines, ”puo’ sembrare un atto di coraggio o, forse, di incoscienza. Probabile. A noi piace pero’ pensare sia anche un gesto di amore, fiducia e amore verso un genere artistico al quale siamo tutti, in un modo o nell’altro, profondamente legati”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari