Scienza/ Usa, grande sviluppo pubblicità  su video on-demand

Un potente veicolo per gli inserzionisti

Roma, 27 apr. (TMNews) – Il video on-demand appare destinato a diventare, almeno negli Stati Uniti, il principale veicolo per la pubblicità . Lo afferma il rapporto “State of VOD: Trend Report 2011” curato da Rentrak, azienda specializzata nella misurazione dell’audience. Oltre 55 milioni di famiglie statunitensi hanno accesso al video on-demand e ogni famiglia trascorre in media otto ore al mese a guardarne i contenuti. I i programmi gratuiti hanno visto una crescita del 17 per cento nel 2011, per 6,8 miliardi di transazioni. Considerando che in media i singoli utenti trascorrono almeno 5 ore e 17 minuti a guardare show televisivi e video on-demand, Rentrak afferma che il valore potenziale degli spot in questi programmi sia di almeno un miliardo di dollari. La categoria più seguita è quella dell’intrattenimento, che include programmi trasmessi dalle maggiori tv tradizionali e dagli operatori via cavo. Cathy Hetzel, presidente di Rentrak, ha dichiarato che “dal decollo, 8 anni fa, del video on-demand, le famiglie guardano in media otto ore al mese di contenuti on-demand e l’80 per cento di questi sono programmi gratuiti che raggiungono questa percentuale entro i primi tre giorni da quando vengono resi disponibili. Combinando questi dati con il potenziale di vendite pubblicitarie per un miliardo di dollari, si può disporre vedere che siamo di fronte a un veicolo pubblicitario di grande potenzialità “.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Scende il valore del sistema media rispetto al 2013. Big lontani dal limite

Cairo Communication: nei nove mesi ricavi in calo a 185,7 milioni di euro. Previsto Mol in sostanziale pareggio per La7 a fine anno

Banzai: nei 9 mesi del 2015 i ricavi salgano a 152 milioni; la perdita cresce a 6,5 milioni di euro