Rai: Cdr Tg3, perche’ tagli a noi quattro volte il Tg1 e doppio Tg2?

(ASCA) – Roma, 28 apr – ”L’ipotesi dei tagli al TG3 sembra assolutamente priva di buon senso. Nell’eventualita’ che tali tagli fossero applicati, i giornalisti del tg3 verrebbero messi in condizioni di non poter piu’ fare il loro lavoro”. Lo afferma un comunicato del Cdr del Tg3 che aggiunge: ”A fronte di un budget gia’ ai limiti della sussistenza, che troppo spesso ci obbliga a fare i salti mortali per fornire un’informazione che sia degna della definizione di servizio pubblico, la nuova ipotesi di tagli provocherebbe inevitabilmente l’impossibilita’ reale per il nostro giornale di seguire gli eventi come con grande fatica ogni giorno tentiamo di fare. Non si capisce perche’ i tagli che riguardano la nostra testata siano quattro volte superiori a quelli previsti per il Tg1 e il doppio di quelli previsti del Tg2, testate che hanno sempre avuto un budget piu’ alto di quello del tg3”. Il Cdr a nome di tutti i giornalisti del Tg3 conclude: ”Vogliamo conoscere i criteri applicati per la quantificazione dei tagli alle testate e ricordiamo all’azienda che anche il tg3 fa parte del panorama informativo offerto dal servizio pubblico e non puo’ limitarsi a fare servizi con le immagini dei circuiti internazionali senza inviare i giornalisti nei luoghi dove accadono i fatti. Chiediamo quindi con forza all’azienda di invertire la rotta, altrimenti ci verrebbero a mancare i presupposti minimi necessari a fornire un’informazione completa”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi