RAI: BERLINGUER; AL TG3 PIU’ TAGLI CHE AL TG1, E’ INGIUSTO

‘L’AZIENDA RIVEDA LA SUA POSIZIONE, CI SIA EQUITA”

(ANSA) – ROMA, 1 MAG – “Sono convinta che se un’azienda come la Rai attraversa una forte crisi economica, ciascuno è chiamato a ridurre costi e a fare i dovuti sacrifici. Però i tagli devono essere equi, distribuiti con giustizia. Invece chi ha maggiori risorse ha un taglio inferiore e chi è più povero paga di più”. Bianca Berlinguer, direttore del Tg3, commenta così, in un’intervista al Corriere della Sera, la riduzione di 800mila euro al budget del suo telegiornale, rispetto ai -200mila euro del Tg1 e ai -400mila euro del Tg2. “Non sono assolutamente d’accordo con questa scelta e mi aspetto che l’azienda riveda le sue posizioni operando i dovuti tagli equamente”, afferma Berlinguer. “La prima spiegazione arrivata dall’azienda – racconta – mi sembra incredibile: l’anno scorso siamo riusciti a risparmiare 450mila euro e così siamo ritenuti in grado di sopportare ulteriori tagli. Mi sembra veramente ingiusto che chi sa risparmiare venga ‘premiato’ con altri tagli”. (ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi