Rai/ Cdr Tg2: Preoccupazione per tagli adottati dall’azienda

“A rischio diritto dovere del servizio pubblico”
Roma, 2 mag. (TMNews) – Il Comitato di Redazione del Tg2 esprime in una nota “forte preoccupazione per la politica dei tagli adottata dall`azienda nei confronti delle testate giornalistiche”.
Secondo la rappresentanza sindacale dei giornalisti della testata “l`ultima decurtazione di budget annunciata dalla direzione generale mette a serio rischio la nostra possibilità  di garantire un`informazione completa e corretta. E con i telegiornali depotenziati, è a rischio il principale diritto/dovere della Radiotelevisione italiana: quello del servizio pubblico”.
“Quest`anno il Tg2 – osserva il Comitato di redazione – deve far quadrare i conti con circa quattro milioni di euro in meno rispetto a soli quattro anni fa (un terzo dell`intero budget!), a fronte di nuovi impegni e sfide come la digitalizzazione della testata (la prima testata generalista a sperimentare questa tecnologia). Già  oggi mandare fuori una troupe e un inviato per il nostro Tg è diventato un lusso.
L`ultimo taglio al Tg2, -400mila euro, non si giustifica”.
“Si va incontro – ammoniscono i giornalisti del Tg delle seconda rete Rai – a un`informazione sempre più raccontata dalle scrivanie, con immagini e notizie riprese dalle agenzie esterne, senza possibilità  di controllo e approfondimento dei fatti: un`informazione sempre più debole ed assoggettabile. A tutto ciò si aggiunge la grave decisione di chiudere le sedi di corrispondenza Rai dall`estero. In questo momento di crisi economica nemmeno si spiegano alcune scelte aziendali come l`esternalizzazione di trasmissioni di approfondimento giornalistico che potevano e dovevano essere affidate alla nostra testata, così come annunciato dallo stesso Consiglio di amministrazione meno di un anno fa”.
“Le testate giornalistiche – si legge ancora nella nota – sono una delle principali risorse di questa azienda, da sempre. Siamo tutti pronti a contribuire al risanamento, ma i rami secchi vanno cercati soprattutto altrove. Anche noi come i colleghi dei CdR del Tg3 e del Tg1, chiediamo all`azienda di spiegarci il perché di questi nuovi tagli. Nei prossimi giorni – conclude il comunicato del Cdr – i giornalisti del Tg2 discuteranno di questi e di altri temi nella riunione dell`assemblea di redazione”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Liberare le frequenze sopra i 700 Mhz entro il 2020 dai segnali tv. Le mosse dell’Unione Europea per apire il mercato al 5G