New media

04 maggio 2012 | 11:31

Samsung/ Analisti cauti: GalaxyS3 non è rivoluzione. In Borsa -3%

Ma è pedina cruciale in contesa con Apple: ora penserà  a iPhone5?

Roma, 4 mag. (TMNews) – “Una evoluzione che non è una rivoluzione”, ma che rappresenta comunque una pedina cruciale di Samsung nel contesissimo segmento degli smartphone. All’indomani della presentazione in pompa magna del nuovo modello di punta della casa coreana, il Samsung Galaxy S3, gli analisti commentano con una certa cautela il nuovo dispositivo. Sui cui del resto Samsung, nella sfilza di informazioni su tecnologie e performance fornite, non ha svelato un aspetto chiave: il prezzo. Perché avrà  non poca rilevanza per stabilire se questo modello sarà  in grado di complicare la vita alla rivale da battere in questo settore, la statunitense Apple con il suo iPhone. Anche più fredda la reazione del mercato, dove il titolo del gruppo ha perso quasi il 3 per cento.

Il Samsung Galaxy S III è uno smartphone touch screen di fascia alta, con uno schermo ad alta definizione da 4,8 pollici (poco più di 12 centimetri), due fotocamere, da 8 Megapixel sul dorso e 1,9 Megapixel sul frontale per le videochiamate. Nel prsentare il dispositivo il gruppo ha messo enfasi nelle sue evolute capacità  di riconoscimento e interazione con l’utente sui vari contenuti multimediali, il tutto gestito dal sistema operativo Android di Google nella versione 4.0.

“L’S3 rappresenta una evoluzione, non una rivoluzione”, secondo Neil Mawston, della Strategy Analytics . “E’ un miglioramento che però non sconvolgerà  le regole del gioco e che non soppianterà  l’iPhone”, ha aggiunto senza troppi entusiasmi. Secondo l’analista la strategia base di Samsung è di proporre buoni materiali a prezzi più bassi della concorrenza. “Questo potrebbe dare di che riflettere ad Apple, che potrebbe trovarsi costretta a sviluppare in iPhone 5 molto migliorato”. Certo bisognerà  vedere a che prezzo verrà  commercializzato, e su questo il gruppo asiatico non ha fornito dati.

Secondo un altro analista, Adam Leach, anche se il Galaxy S3 non rappresenta un punto di svolta tecnologica “la sua importanza per Samsung non va sottovalutata: l’impresa ha costruito la sua reputazione producendo lo smartphone Android per antonomiasia e incarnando questo tipo di dispositivi”. Intanto la reazione della Borsa è apparsa fredda: a Seul il titolo Samsung Electronics ha chiuso al meno 2,93 per cento a 1.360.000 won (circa 915 euro).