Scienza/ La pubblicità  su smartphone sarà  presto in 3D

Si potrà  “navigare” attorno agli oggetti proposti

Roma, 9 mag. (TMNews) – La pubblicità  su dispositivi mobili, come smartphone e tablet, presto potrà  diventare completamente tridimensionale. La possibilità  deriva dall’acquisizione di una recente startup, AdJitsu, a parte della società  di telefonia mobile Singtel. L’obiettivo della pubblicità  in 3D è permettere agli utenti di “toccare”, almeno in senso virtuale, un oggetto proposto per la vendita. Al possibile acquirente viene offerta una rappresentazione del prodotto visibile da ogni lato e in ogni particolare: in sostanza, gli utenti possono navigare attorno a un oggetto e comprendere se sia loro gradito. AdJitsu, che propone soluzioni del genere, ha già  nel portafoglio clienti realtà  come Samsung, Nokia e Microsoft. Non è una caso che, secondo le ricerche di mercato, la pubblicità  3D susciti nei consumatori un tasso d’interesse doppio rispetto alla forma statica “classica”. Un esempio è già  disponibile sia su piattaforme Android che iOS con la presentazione del Nokia Lumia 800, dove il dispositivo è mostrato attraverso un effetto stereoscopico, ovvero la semplice rappresentazione di uno spazio 3D su un piano a due dimensioni. In futuro, tuttavia, potrebbe essere il 3D “immersivo”, simile a quello cinematografico, a imporsi nel mercato pubblicitario.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Scende il valore del sistema media rispetto al 2013. Big lontani dal limite

Cairo Communication: nei nove mesi ricavi in calo a 185,7 milioni di euro. Previsto Mol in sostanziale pareggio per La7 a fine anno

Banzai: nei 9 mesi del 2015 i ricavi salgano a 152 milioni; la perdita cresce a 6,5 milioni di euro