Salone Libro: De Fanis, Casa Abruzzo a Torino esaltera’ nostra editoria

(ASCA) – L’Aquila, 9 mag – Si apre domani a Torino la XXV edizione del Salone internazionale del Libro, manifestazione alla quale la Regione Abruzzo e l’assessorato alla Cultura partecipano con un proprio spazio espositivo. L’apertura di ”Casa Abruzzo”, alle ore 11:00, e’ affidata al periodico di informazione ”L’Avellano” dell’associazione culturale Famiglia abruzzese e molisana del Piemonte e della Valle d’Aosta, che accompagnera’ l’esperienza abruzzese a Torino per tutta la durata del Salone. Con oltre 80 metri quadrati di esposizione, ”Casa Abruzzo” si pone l’ambizioso obiettivo di essere il ritrovo degli editori abruzzesi alla piu’ importante e prestigiosa manifestazione sull’editoria nazionale e internazionale. ”A Torino – ricorda l’assessore regionale alla Promozione culturale, Luigi De Fanis – saranno presenti 38 case editrici abruzzesi che presenteranno 58 produzioni editoriali. Al Salone contiamo di promuovere il meglio della produzione abruzzese ed e’ per questo che abbiamo investito molto in termini di comunicazione in un settore importante e vitale della nostra cultura. E’ una scommessa che vogliamo vincere, ma soprattutto – conclude l’Assessore – e’ un segnale che vogliamo lanciare al variegato mondo della cultura regionale”. Domani, dalle 17:00, a ”Casa Abruzzo” sara’ protagonista la casa editrice ”Di Felice edizioni” con cinque opere: ”Incandescente” di Carlo Arrigoni; ”Percorso d’amore” di Luca Tosoni; la collana ”Poeti di Smerilliana”; ”La Rosa e il Cormorano” di Pasquale Cucco; ”Pensilina Vonnegut” di Sara Casotti.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Liberare le frequenze sopra i 700 Mhz entro il 2020 dai segnali tv. Le mosse dell’Unione Europea per apire il mercato al 5G