CINEMA: MARIO SESTI DIRETTORE EDITORIALE DI TAORMINAFILMFEST

(ANSA) – ROMA, 10 MAG – Mario Sesti è il nuovo direttore editoriale del TaorminaFilmFest, la cui 58/a edizione si svolgerà  dal 23 al 28 giugno 2012. La manifestazione prevede quest’anno un’anteprima il 22 a Messina dove nel 1955 nacque la prima edizione dell’allora ‘Rassegna Cinematografica Internazionale’. “Sono molto onorato di far parte del nuovo progetto: il Festival di Taormina – dice Sesti in una nota – appartiene a quel ristretto gruppo di prestigiose manifestazioni che nel tempo sono diventate dei ‘classici’. Ringrazio tutti coloro che mi hanno dato fiducia, e ringrazio anche la Fondazione Cinema per Roma che mi ha dato la possibilità  di affrontare questo impegno e sono molto intrigato dall’opportunità  di poter lavorare in uno dei teatri antichi più belli del mondo portandovi grande cinema, grandi autori ed attori e, soprattutto, grandi emozioni”. Un’edizione, quella di quest’anno, che promette novità  e cambiamenti pur rimanendo fedeli a una tradizione che ha reso Taormina l’evento cinematografico estivo più importante d’Italia. Cinema di qualità  ma anche spettacolare che porterà  in Sicilia ospiti nazionali e internazionali di grande talento che animeranno le serate al Teatro Antico di Taormina. Il progetto scelto dal Comitato Taormina Arte è quello di ‘Agnus Dei Production’ di Tiziana Rocca. Il TaorminaFilmFest è promosso dal Comitato Taormina Arte e sostenuto dall’Assessorato Regionale Turismo e dal ministero per i Beni e le Attività  Culturali, Direzione Generale Cinema. Critico cinematografico, regista, docente al DAMS e al Centro Sperimentale, Sesti è tra gli ‘ideatori’ del Festival di Roma con Walter Veltroni, Goffredo Bettini e Carlo Fuortes, dove è direttore della sezione Extra. (ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Venticinque milioni in più per il tax credit per il cinema. Il ministro Franceschini: uno strumento di sostegno che sta conoscendo un successo straordinario

Dalle serie tv, agli spettacoli comici passando per le produzioni made in Italy. Conto alla rovescia per l’arrivo di Netflix nel nostro paese

Dalla revisione di tax credit e quote di partecipazione, al nuovo modello per la negoziazione dei diritti. Governo al lavoro per il rilancio del settore audiovisivo