Poste I.: Sarmi, all’estero considerate modello di eccellenza

MILANO (MF-DJ)–“Poste Italiane soprattutto all’estero, vengono considerate un modello di eccellenza per lo sviluppo tecnologico”. Lo ha affermato Massimo Sarmi, a.d. Di Poste I., in una intervista rilasciata a MF, aggiungendo che “a fine settembre si terra’ il prossimo congresso dell’Upu, l’Unione postale universale sotto l’egida dell’Onu, e le Poste Italiane si presenteranno come capofila del progetto che dara’ vita al dominio Dot Post per fornire ai Paesi dell’Unione Europea siti Internet piu’ sicuri (.post, ndr) cui verranno associati servizi postali elettronici internazionali. Un’innovazione assoluta che consentira’, per esempio, di avere la certezza che i documenti trasferiti tramite i nuovi domini non potranno essere alterati”. A chi gli chiedeva come mai, secondo lui, in Italia la societa’ non ha llo stesso riconoscimento, l’a.d. ha precisato che “nell’opinione comune direi che forse non e’ ancora cosi’. Mi dica, che cosa le viene in mente quando pensa alle Poste? Negli uffici postali offriamo ormai tanti servizi oltre a quelli tradizionali che ci contraddistinguono da sempre, come i libretti postali, i buoni del Tesoro e i conti correnti. Penso alle polizze Vita e alle carte telefoniche. O anche ai prestiti e alle carte prepagate. In pochi anni abbiamo raggiunto una posizione di leadership in nuovi settori di attivita’. Siamo anche all’avanguardia per i pagamenti tramite il telefonino. Solo nei primi tre mesi di quest’anno abbiamo avuto un boom di trasferimenti di denaro tramite cellulare”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Mai parlato con Niel della partecipazione di Iliad in Telecom, dice De Puyfontaine. E su Mediaset: per ora nessuna collaborazione, ma in futuro…

Vivendi acquista un ulteriore 0,86% di azioni Telecom. Jp Morgan limita la sua partecipazione al 9,9%

Tiscali: dimissioni per il Cda e il collegio sindacale al termine del processo di fusione con Aria. Convocata per il 16 febbraio l’assemblea dei soci