Cinema

11 maggio 2012 | 13:36

Cinema/Festival Bellaria festeggia 30anni con Herzog e Kaurismaki

Dal 31 maggio al 3 giugno, documentari italiani e internazionali

Roma, 11 mag. (TMNews) – Il festival di Bellaria festeggia i 30 anni e dal 31 maggio al 3 giugno proporrà  documentari italiani e stranieri di altissimo livello, da “Into the Abyss” di Werner Herzog, in cui il regista intervista due detenuti in attesa della pena di morte, a “Mama Afrika”, in cui Mika Kaurismaki fa un ritratto della cantante Miriam Makeba. Tra i 12 documentari italiani in concorso spiccano “Italy: love it or leave it” di Gustav Hofer e Luca Ragazzi, viaggio per l’Italia di due giovani tentati dal lasciare il Paese, “Tahrir” di Stefano Savona, girato al Cairo nel febbraio 2011, e “Mare chiuso” di Stefano Liberti e Andrea Segre, con interviste a profughi dalla Libia respinti dall’Italia.

Nato 30 anni fa come festival del cinema indipendente, il festival di Bellaria dal 2005 è consacrato solo al documentario: “Anche se si vedono sempre meno documentari in tv, negli ultimi anni in Italia se ne realizzano sempre di più e di maggior livello. – ha spiegato il direttore artistico Fabio Toncelli alla presentazione del festival a Roma – Questo è il segno che il documentario ha preso il testimone del cinema indipendente e riesce a raccontare il Paese”.

A Bellaria anche quest’anno grande spazio sarà  dato agli audiodocumentari, con una rassegna e un concorso, e in anteprima per l’Italia verranno presentati alcuni brani radiofonici registrati da Glenn Gould in Canada. Tornerà  il concorso per cortometraggi lanciato dalla trasmissione radiofonica “Il ruggito del coniglio”, mentre un premio alla carriera verrà  assegnato a Toni Servillo, che nel 2002 vinse il festival di Bellaria come miglior attore.