Editoria: decreto, da 1/1/2013 obbligatoria tracciabilita’ vendite

(ASCA) – Roma, 11 mag – ”A decorrere dal 1* gennaio 2013 e’ obbligatoria la tracciabilita’ delle vendite e delle rese dei giornali quotidiani e periodici attraverso l’utilizzo degli opportuni strumenti informatici e telematici basati sulla lettura del codice a barre”. Lo prevede il decreto sul riordino dei contributi all’editoria, approvato oggi dal Consiglio dei Ministri. La tracciabilita’ serve a ”favorire la modernizzazione del sistema di distribuzione e vendita della stampa quotidiana e periodica, per assicurare una adeguata certificazione delle copie distribuite e vendute e nell’intento di agevolare la diffusione della moneta elettronica”. Per sostenere l’adeguamento tecnologico degli operatori, inoltre, e’ attribuito ”per l’anno 2012, per un importo non superiore ai risparmi accertati con apposito decreto del presidente del Consiglio dei ministri ovvero del sottosegretario delegato” fino ”ad un limite massimo di 10 milioni di euro”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari